Saloni

Intermot Monaco

• 2004

• 2002

Milano

• 2007

• 2006

• 2005

• 2003

• 2001

Bike Expo Padova

• 2005

• 2004

• 2003

• 2002

Moto Salon

• 2005

• 2004

• 2003

- Paris Auto Moto Tuning Show 2002

- National Custom Show 2003

- Motorshow Bologna 2002

Eventi

- Aquile in Pista Imola 2009

- Porte Aperte 2008

Presentazione del Libro - Moto Guzzi Quando le moto hanno l'anima

• Presentazione

- Premio Anima Guzzista - Bicilindrica

- Il Guzzista dell'Anno

Manifestazione FFMC

• 2006

- Manifestazione "Moto di Protesta"

- Pista&Pasta 2008

La Sfida II

• I-2005

La Sfida

• I-2004

Trofeo Rosso

• 2004

• 2003

Concorso Fotografico

• 2008

• 2004

• I vincitori 2004

- Convegno corse anni '70

- Cena WOG a Mandello

- V8 alla Coupe Moto Legendes

Record Guzzi in USA

• Report

• Racconto del pilota

Il Giro delle Aquile

• Motogiro

• La 1° tappa

• Intervista a Antonio Idà

• Tappa Fr-Bn

Aquile in Strada

• Magione

• Varano

Competizioni

Anima Guzzista Cup

• 2009

Campionato Classiche Gr. 5 e UEM

• Trofeo Guzzi 2008 - Franciacorta

• Trofeo Guzzi 2008 - Magione

• 2008

• 2007

• 2006

• Magione 2005 2° gara

• Misano 2005

• Magione 2005

• Varano 2005

• Misano 2004

• Vallelunga 2001

• Intervista a Pietro Inagni

Trofeo Deccla Cartagena

• 14°- Gennaio 2008

• 13°- Settembre 2007

• 12°- Gennaio 2007

• 11°- Settembre 2006

• 10°- Gennaio 2006

• 9°- Settembre 2005

• 8°- Gennaio 2005

• 7°- Settembre 2004

• 6°- Gennaio 2004

• 5°- Settembre 2003

Campionato Italiano Supertwins

• 2008

• 2007

• 2006

• 2005

• Mandello Racing Team

• 2003

- Classic RR European Championship

- Daytona 2007

- Daytona 2006

- TT Assen 2006

- TT Assen 2005

- 100 Miglia 2006

Campionato Italiano Naked

• 2003

• 2002

- Bol D'Or Classic 2008

- Bol D'Or Classic 2004

- Mondiale Endurance Albacete 2004

 

1° Motogiro d'Italia 2002 - La partenza

Nubifragio e ritorno

 

di Alberto Sala

 

 

VENERDI 3 MAGGIO. MANDELLO.

 

Alle 9 arriva a casa mia Flavio automunito, e dopo un rapido sconsolato sguardo al cielo nero inchiostro optiamo (anche per problemi logistici) per quest'ultimo mezzo, lasciando in box le moto. Arrivati a Mandello prendo contatto con Antonio Ida', organizzatore di questa splendida manifestazione, e concordiamo che la sfiga metereologica tanto per cambiare dimostra 11 decimi. Incontro anche Stefano Bonacina, vecchia conoscenza da Scola, oltreche' rappresentante del Motoclub di Mandello del Lario, e secondo 'staffettista' con la California EV (io partiro' con la V11 Le Mans). C'e' grande movimento in fabbrica; nel passare tra un reparto e l'altro andiamo anche alla caccia di una EV con punterie idrauliche, ma sono tutte fuori per le prove delle riviste (peccato). Ci vengono consegnati i giacconi e i pantaloni in cordura, 'divisa' ufficiale degli staffettisti, e ad un primo contatto mi sembrano molto ben fatte e confortevoli. Vedo velocemente anche uno splendido giubbetto di pelle beige chiaro oltre alle meravigliose maglie e t-shirt, davvero di qualita' superiore rispetto ai precedenti capi di abbigliamento prodotti finora dalla Guzzi. In mezzo a cotanto concitamento scorgiamo i due nostri bolidi pronti sotto l'arco rosso nei pressi della sempre suggestiva galleria del vento, e dopo le ultime formalita' ci vestiamo e saltiamo in sella. Nel frattempo emerge da una nuvola d'acqua Luca Formenti eroicamente in sella alla sua splendida 1100 Sport. A lui va un ringraziamento particolare (come a Flavio del resto) per essersi comunque liberato dai suoi impegni gravosi, e poco dopo si raduna un gruppetto di 5-6 moto del Motoclub di Mandello, quasi tutti tra l'altro con svariate primavere appuntate al petto, e intanto tuona e tira vento manco fossimo a Trieste.

Un rapido check sull'itinerario, e dopo alcune riprese video e foto di rito finalmente, sotto il diluvio universale SI PARTE!

Concentrato prima del via...

Ultimi dettagli e riprese

Partenza stile Le Mans, no?

SI PARTE!!!

Imbocchiamo subito la superstrada per Milano, e il tratto in galleria sotto Lecco sara' uno dei rarissimi tratti asciutti :-(

Il traffico e' oltretutto sostenuto, molto sostenuto, pure troppo: le auto che dovrebbero precederci restano imbottigliate, e noi dopo avergli cacciato fuori la lingua ci dileguiamo (si fa per dire, l'andatura e' inevitabilmente lenta) fino ad imboccare l'autostrada A4, che visto le condizioni metereologiche di biblica memoria saggiamente concordiamo di percorrere piu' a lungo del previsto, fino a una cinquantina di chilometri da Torino. E meno male, perche' nei pressi di Novara improvvisamente si fa buio, e mentre noi ci aspettiamo qualche visione pararci improvvisamente davanti, qualcuno da un immaginario enorme idrante puntato davanti a noi apre il rubinetto, e una oceanica ondata d'acqua, cadenzata stile capitano Achab ci investe a tal punto che qualcuno a lato scende dall'auto e inforca il surf legato sul portapacchi e ne approfitta. Noi nonostante la mutazione genetica del braccio sinistro in tergicristallo Bosch non vediamo piu' una putrella, e se non fosse per le flebili luci delle auto che ci precedono finiremmo a fare le mondine nelle abbondanti risaie a lato. Poi qualcuno (probabilmente sempre lo stesso), mosso da pieta' verso questo stuolo di eroici Guzzisti chiude il rubinetto, e la normale pioggia 'standard' ci sembra il sole dei tropici in confronto.

Le migliorate condizioni di visibilita' mi consentono per un attimo di stiracchiare la Le Mans per cercare almeno di testarla per quel che si puo': complessivamente la moto si comporta molto bene, la stabilita' sul dritto anche oltre i duecento di tachimetro e' ottima, e la carenatura ripara abbastanza bene. La posizione di guida pero' non mi sembra adeguata: trovo sia troppo sportiveggiante, visto che i semimanubri invitano a gettarsi a capofitto nelle curve, mentre nei rettilinei sarebbe desiderabile un manubrio leggermente piu' rialzato, che consentirebbe di tenere con meno fatica lo sguardo oltre l'asfalto, per godersi il panorama. Inoltre trovo fosse piu' naturale la distanza sella-manubrio sulla versione precedente; qui c'e' qualche centimetro di troppo, che ti fa stare leggermente sdraiato. Poi perlomeno procedendo a 120 fisso le vibrazioni sulle manopole sono piuttosto fastidiose, e si avvertono anche in parte sulla sella. In sostanza: auspico una versione effettivamente piu' turistica, magari con carena ampliata, e soprattutto con un manubrio piu' alto, e ci vedrei bene anche due belle borse rigide laterali in tinta con la carrozzeria, avanzando la sella e le pedane di un paio di centimetri (cosi' le borse troverebbero maggiore spazio), mentre la attuale Le Mans la lascerei anche cosi', ma con un cupolino piu' rastremato, tipo Buell Firebolt. Fine della divagazione.

Usciamo finalmente dall'autostrada, e dopo qualche chilometro ecco TRE CURVE!!! Attendo che le auto prendano il largo e poi VIA! Ecco che ora i semimanubri vanno benissimo, la sella e il resto pure, e viiaaa dentro in piega, uno, duuuueee, tttreeeeeee, e... basta. Fine delle curve. Anche Stefano (che so essere abile limatore di pedane) ha colto al volo le tre curve, e lo immagino singhiozzare al ritorno del noioso rettilineo che ci porta in Torino, dove ovviamente ci perdiamo (e nel frattempo ricomincia a piovere). Un carontino locale su special verde fiammante (mooolto bella, con due Lanfranconi da galera) ci conduce da Dolza, dove cediamo le nostre cavalcature ai freschi nuovi teodofori.

Sosta rifornimento

Rari raggi di sole su Guzzi torinesi

Torinesi pronti alla partenza

TORINO, ore 16,50 - ARRIVO PRIMA TAPPA

 

Eccoci arrivati, un po' umidi (ho solo una lieve infiltrazione sul coppino) ma contenti: anche qui foto di rito, pacche sulle spalle e scambio di battute sul cazzare di bolina e sul patarazzo (beh, visto il clima e l'acqua...).

Flavio, Stefania Galli e Alberto

Notevole la special

Ricevo da Antonio Ida' una sorpresa

Bella foto, neh GSZ?

Luca Formenti e Giancarlo Zululato

Si riparte per la seconda tappa

 

Tra i presenti non manca GSZ, che stranamente non ci massacrera' di chiacchiere in macchina al ritorno (mosso probabilmente da pieta'; che animo gentile ;.)), e anche Mauro e Dario, che nonostante tutto hanno trovato un momento per esserci, e dopo aver salutato e ringraziato Antonio Ida' e Stefania Galli, che proseguiranno senza soste fino a domenica pomeriggio per questa magnifica avventura, ci accingiamo al ritorno, ovviamente ri-incontrando il medesimo simpaticone con l'idrante ciclopico...

In conclusione: gran bella iniziativa; comprensibili le pecche organizzative, visto lo scarsissimo tempo a disposizione; ovviamente auspichiamo sia il primo di tanti Motogiri d'Italia, puntuali ogni anno.

MILANO - ore 19 circa - APPENDICE

Luca si merita una menzione speciale. Mandato in missione per sviluppare il rullo delle foto su CD (dai magnifici di Brambillasca a Cinisello, se la meritano sempre la pubblicita'), affronta a mento alto il cazzone con l'idrante, affonda e riemerge dalla corsia d'emergenza letteralmente allagata per quasi tutto il tratto milanese dell'A4, e quando iniziavamo a preoccuparci sulla sua sorte, vista l'incazzatura atroce del cielo, eccolo riapparire magnifico a salutarci con lo stivale, e rapido a fiondarsi a Cinisello a compiere la sua Missione Impossibile. Un grazie di cuore, anche ovviamente a Flavio che ha scattato quasi tutte le fotografie.

 

Grande. Col suo ferro.

© Anima Guzzista